Dite la vostra:”Perderemo un’altra generazione di tifosi”

Riportiamo il pensiero di un giovane tifoso sulla campagna abbonamenti.

“Domani inizia la campagna abbonamenti e dopo che sono abbonato dalla stagione 2012/13 ho l’intenzione di non rinnovarlo.
Ho sempre cercato di avere fiducia nella società, ma quest’ anno ha dimostrato che loro preferiscono rimanere lì nel limbo. Essere un Chievo qualunque, con tutto il rispetto per il Chievo.
Io ho messo sempre i soldi da parte dei regali dei compleanni e delle feste essendo uno studente e un non lavoratore. Ma quando uno trova agevolazioni per tutte le donne nonostante molte lavorino, e non trovo agevolazioni per gli studenti che fanno salti mortali per trovare i soldi dell’ abbonamento mi sale il nervoso. Non perché voglio togliere qualcosa a qualcuno, ma credo che un giovane che va allo stadio merita agevolazioni. Perché nonostante la squadra sia stata sempre mediocre io sono andato a tifare. Ho rinunciato a cose per vedere il Toro.
Dopo questo mercato di scommesse mi viene difficile pensare di rinnovare per vedere sempre un triste spettacolo. Ho visto derby “Non giocati” ma ho sempre cercato di essere orgoglioso di essere del Toro.
Essere del Toro è un atto di resistenza.Perché non è facile sentire sempre le solite storie dei gobbi. Non è facile stare nella minoranza.
Se si continua così i soldi la gente preferisce spenderli in altro.
Gli studenti come me preferiscono mettere i soldi da parte per vacanze con gli amici o risparmiare per l’università.
Cairo deve capire che se continuiamo di questo passo perdiamo un’altra generazione di tifosi. Soprattutto ora che Cristiano Ronaldo è andato ai gobbi.
Io non pretendo di vedere il Toro vincere la champions . Pretendo un Toro che lotti , che ci dia qualche soddisfazione. Un Toro che posso competere con la Juve , non sul livello economico e sportivo , ma a livello di grinta e passione. Cosa che negli ultimi anni non si vede quasi più.
Io non critico Cairo per come gestisce la società a livello di conti , ma per come gestisce la società a livello di fede , passione, amore. Se mancano questi siamo una semplice azienda.
È lo slogan della campagna abbonamenti mi sa di presa in giro.Non so se ridere o piangere. Non voglio rassegnarmi però!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.