Il pensiero di un tifoso:”La società non ha voglia di crescere,basta spendere soldi per uno spettacolo indecente”


Il calcio è un gioco. Il Torino è molto di più che una squadra di calcio.

Noi paghiamo il biglietto,l’abbonamento e le tv per vedere uno spettacolo.

Uno spettacolo che non è spettacolo ultimamente.

Io sostenevo che allo stadio si va a prescindere, ma ora ho cambiato idea.

Se devo spendere 15-20 o 25 euro per uno spettacolo pietoso, preferisco spenderli andando a mangiare fuori, andare a ballare, andare al cinema o far qualcos’altro per lo svago.

Andare allo Stadio per me è sempre stato come quando un cristiano va in chiesa.

Fare l’abbonamento e il biglietto l’ho sempre paragonato al fare le offerte in chiesa per migliorare qualcosa.

Ma questo miglioramento nel Toro non esiste.

Stiamo parlando come tutti gli anni di un mercato di gennaio inesistente, dove non si prova nemmeno a migliorare i settori del campo dove ci sono lacune.

Si sta incominciando a criticare Mazzarri, come si era fatto per Ventura e per Mihajlovic. Ma nessuno si domanda che magari non è colpa dell’allenatore, ma di una società che non ha intenzione di crescere e rimanere lì?

Sto incominciando a pensarla come chi dice che il pesce puzza sempre dalla testa.

Mi mette rabbia e tristezza questo silenzio degli ultras(?). Nessuno che fa niente di concreto.

I tifosi del Toro sono scesi in piazza per Lentini e non scendono in piazza per Cairo(che su alcuni aspetti stimo, ma ha stancato)?

Purtroppo questo andamento non ha toccato solo il Toro, ma tutto il sistema calcio. Dominano le solite squadre in Serie A con la Giuve già campione a settembre. Ci sono squadre con presidenti molto ricchi (della Valle a firenze), ma che stanno nella mediocrità.

La Figc ha stuprato il calcio e nessun tifoso del calcio d’Italia si fa sentire.

Mi dispiace dirlo, ma i soldi per questo spettacolo indecente non ne spendo finchè qualcosa non cambia.

Il Toro che amo rimarrà nei libri e nei filmati. È un po’ triste , ma è così.

loading...

COMMENTA L'ARTICOLO