Le scritte contro Scirea e l’Heysel non convincono


E’ caccia all’autore o agli autori della scritta contro Gaetano Scirea e i morti dell’Heysel. C’è un particolare, scrive La Nazione, che non convince: Il “carattere”usato da chi si è armato di una bomboletta spray di colore nero per scrivere quelle infamie. E’ stato infatti usato un “font” che si chiama “Ultras Liberi”, un carattere assai in voga in certe curve ma che ha origine dagli anni delle lotte politiche di destra e dei “campi Hobbit”. Lo usano gli stessi juventini.

In attesa di un aiuto dalle telecamere (ancora non è chiaro neanche da quanto tempo fosse sul muro dell’Affrico), per identificare gli autori è possibile restringere il campo quanto meno a gruppi con una cultura e una identità abbastanza precisa:usare quel carattere di scrittura, infatti, è sinonimo di una precisa militanza nell’ultradestra. Identità che son presenti anche nel tifo fiorentino, ma mai il «font» in questione è stato utilizzato per rappresentare un pensiero unitario della Fiesole, ad esempio. Pure sabato non sono mancati gli striscioni, anche all’indirizzo dei rivali bianconeri e dell’inchiesta sulle infiltrazioni mafiose in curva. Ma con tutto un altro stile, non solo grafico.

Federico De Sinopoli, presidente Associazione Tifosi Fiorentina, ha commentato le scritte su Scirea e Heysel ai microfoni di Toscana Tv:

“Alcuni passaggi non mi sono chiari. Sono apparse poche ore prima della partita in una zona che era già presidiata dalle forze dell’ordine e nella quale possono passare solo i tifosi della Juventus. Dubito che siano riusciti a passare dei sostenitori della Fiorentina. Quando qualcuno mi darà la certezza che il colpevole è un tifoso viola allora ne potrò riparlare, per ora è una vicenda che mi crea imbarazzo.”


DITE LA VOSTRA!