Ferretti:”Al Toro attuale manca calore,manca il Fila…”


Mirko Ferretti,storico vice di Gigi Radice,è stato anche giocatore granata negli anni ’60. Alla presentazione del libro dedicato a Gigi Radice ha sottsottolineato un fatto che si sta vivendo in questi ultimi anni, la mancanza di calore da parte della società.

“Ci sarebbe bisogno di un Toro meno freddo. Manca calore in questo Torino. Ai miei tempi la società aveva un’anima caldissima e ricca di sentimenti e tradizioni, che sono i valori tipici del mondo granata. Si scendeva in campo solo per il bene della squadra, per questo motivo i giocatori davano l’anima in partita”.

Il fulcro dell’anima granata di quell’epoca aveva un nome solo, Orfeo Pianelli, come ha rimarcato lo stesso Ferretti: “Tutto ruotava attorno al presidente Pianelli, che era molto tifoso e visceralmente innamorato del Toro. Grazie a lui e ai tanti dirigenti che giravano attorno alla squadra granata c’era molto calore, identità, anima, sentimenti. La sua importanza era anche data dall’importante Circolo dei Soci, che pullulava di gente, molte delle quali lavoravano al Filadelfia.

Questo era la società granata ai nostri tempi e non sto parlando solamente dello scudetto del 1976. Il Fila era il cuore pulsante di tutto ciò, un impianto aperto alla gente, che spronava ed aiutava a diventare un gruppo, una famiglia. Così si superavano anche più facilmente i momenti di crisi. “.


COMMENTA L'ARTICOLO