Gramellini:”Miha-X erano vittorie sprecate. Il Mazza-X una sconfitta evitata.”

Torna Massimo Gramellini con Granata da Legare sulle pagine del Corriere di Torino.

Undici banalità intuite sul nostro conto, mentre guardavo in tv il pareggio stiracchiato contro il Sassuolo.

1) Corrono tutti più dei nostri. A Reggio Emilia persino il raccattapalle arrivava sul pallone prima di Rincon. Ma durante la preparazione estiva si sono allenati ai videogiochi?

2) Il primo pareggio di Mazzarri è molto diverso da quelli inanellati dal suo predecessore. I Miha-X erano vittorie sprecate. Il Mazza-X una sconfitta evitata.

3) San Sirigu è il miglior portiere del Toro dai tempi di Sereni e probabilmente anche da quelli di Marchegiani. La sua riserva non è da meno. Se fossimo messi così negli altri ruoli, avremmo i punti della Lazio.

4) Con il modulo dell’ultima mezz’ora – tre stopper, due terzini e tre mediani (di cui uno, Ansaldi, altro terzino) – diventa difficile farci gol, ma quasi impossibile segnarne, a meno che i due attaccanti siano Ljajic e Belotti.

5) Ljajic è l’unico capace di creare l’imprevedibile. Per rifarci al Mazza-Napoli, il nostro Lavezzi. Senza di lui, il compito di sfornare assist tocca a Molinaro. Con tutto il rispetto, non è la stessa cosa.

6) Belotti è l’unico bomber. Per rifarci al Mazza-Napoli, il nostro Cavani. Iago è una seconda punta, Niang né una prima né una seconda (e nemmeno una terza). Servirebbe un Pazzini di rincalzo. Ma che fare dell’esercito di attaccanti esterni voluti da Miha? Con questo modulo non servono più.

7) Baselli sarebbe l’unico capace di interpretare il ruolo del centrocampista offensivo nel 3-5-2. Per rifarci al Mazza-Napoli, il nostro Hamsik. Il guaio è che non lo è e non lo sarà mai, perché gli mancano il cambio di passo e la personalità. C’è chi spera in Donsah, ma nel Bologna che ha battuto il Benevento è stato il peggiore.

8)So di dare un dispiacere al presidente Cairo, ma ho la sensazione che Niang non diventerà mai nulla di più del poco che è. Pura potenzialità. Uno da cinque guizzi l’anno. Incompatibile con il pedigree del Toro, che esige attaccanti magari pasticcioni, ma feroci. Da vendere a giugno, a costo di rimetterci.

9) Boyè è istintivamente più «da Toro» di Niang, ma temo sia un eterno incompiuto. Ogni volta che entra, dà l’illusione di spaccare il mondo, invece si limita a fargli un pizzicotto. Prestarlo a una squadra di bassa classifica (o di alta serie B) che lo faccia giocare con regolarità sarebbe cosa buona e giusta.

10) Come ci farebbe comodo Quagliarella.

11)Nonostante tutto, resto ottimista. Mazzarri è un grande e ci porterà in Europa, che ci piaccia o no.
One comment on “Gramellini:”Miha-X erano vittorie sprecate. Il Mazza-X una sconfitta evitata.”
  1. Frank ha detto:

    Interessante. Niang 5 guizzi l’ anno, e ljajic invece,, che viene descritto come unico a saper fare qualcosa, quanti guizzi all’ anno fa?
    Entrambi sono un lusso e uno spreco attualmente. Come una panda fogliata d’ oro. Mi stanno bene i giocatori che abbiano i guizzi e i colpi di genio, ma non devono perdere 10 palloni ogni giocata decente. A meno che non abbiano una squadra che gioca solo per loro (nel calcio attale???) Bisognerebbe liberarsi di questi “piedi fini” che azzeccano 1 giocata ogni 10 palloni sprecati e richiedere dei giocatori che garantiscano tecnica e costanza, soprattutto con 50 milioni in cassa…. ma prima di loro dovremmo liberarci dal solito babaciu messo alla presidenza del Toro dai soliti noti padroni di Torino. Concordo su baselli.

COMMENTA L'ARTICOLO